Pubblicato il

Adeguamento liturgico secondo la riforma liturgica del Concilio Vaticano II

Adeguamento liturgico delle chiese secondo la riforma liturgica

La costituzione del sacrosantctum concilium del Concilio Vaticano II ha avviato un cammino di adeguamento liturgico degli spazi celebrativi delle chiese.

Sono più di 100.000 le chiese solo in Italia che non solo devono essere conservate ma anche rese sempre più vive.

Chiese che devono sempre più essere aperte al culto e non essere considerate dei musei.

Architettura e liturgia sono sempre state collegate.

Da sempre architettura e liturgia si adattano ai cambiamenti culturali e del modo di relazionarsi con Dio.

Uno di questi cambiamenti è avvenuto con il Concilio Vaticano II del 1962-65 che ha dato un nuovo impulso a questo cambiamento del rapporto tra liturgia e architettura.

Adeguamento liturgico secondo la riforma liturgica del Concilio Vaticano II

Sono stati pubblicati tre documenti:

  • I beni culturali della Chiesa in Italia (1992).
  • La progettazione di nuove chiese (1993).
  • L’adeguamento delle chiese secondo la riforma liturgica (1996).

Questi documenti trasformano l’adeguamento liturgico in una vera e propria disciplina che da le linee guida da seguire per il restauro, la progettazione e l’adeguamento delle chiese.

L’adeguamento liturgico delle chiese è quindi diventato un tema di grande attualità.

Questo adeguamento liturgico può essere considerato un evento ecclesiale, un’occasione per la crescita pastorale e di rinnovamento della comunicazione e della comunione ecclesiale.

L’altare deve essere il centro focale verso il quale si deve rivolgere tutta l’assemblea.

L’ambone deve essere e mostrarsi come il pulpito da cui risuona la Parola per tutta l’assemblea.

La cattedra dovrebbe stare dove può essere letta la presidenza del vescovo e  nel contempo dove il vescovo si mostra anche come il primo uditore della Parola.

Tutto deve essere predisposto affinché l’assemblea si senta convocata dal Signore.

Per aiutarvi nell’adeguamento liturgico della chiesa i nostri esperti di Forma Fluens mettono a vostra disposizione uno staff di architetti e progettisti specializzati nella progettazione di chiese.

L’esperienza maturata nella realizzazione di progetti dei più importanti designer italiani oltre alle più avanzate tecnologie produttive oggi disponibili non potranno che aiutarvi a seguire le direttive date per l’adeguamento liturgico delle chiese.

Forma Fluens offre un servizio completo relativo alla realizzazione di suppellettili ed arredi liturgici pensati su misura, in collaborazione o su progetto speciale dell’architetto, in esemplare unico o in serie.

Negli anni Forma Fluens ha avuto il piacere di realizzare oggetti disegnati dalle più prestigiose firme dell’architettura moderna, tra i quali Ettore Sottsass, Mario Botta, Carlo Scarpa, Paolo Portoghesi, Achille Castiglioni, Vico Magistretti, Gae Aulenti e Hans Hollein.

Non esitate a contattarci

Prenotate un colloquio con il nostro “servizio progetti speciali” telefonando al numero +39 390444595111 oppure via e-mail a info@formafluens.com.